La Rinascita

Rosso passito


Il vino rosso “La Rinascita” è ottenuto con l’unico vitigno autoctono della zona, il Cannaiolo.

Seppur la zona sia sempre stata famosa per i vitigni bianchi, ogni famiglia teneva alcune vigne di uva rossa da vinificare e tenere per sé.

Oggi, grazie a piccoli accorgimenti sul campo e ad un minuzioso lavoro di cantina, si riesce ad ottenere un prodotto intenso, con una struttura e una densità degna di un grande vino.

Lasciato sulle bucce per circa quattro giorni, vengono operati continui rimontaggi per poter dare al vino un colore più intenso possibile.

Il vino viene quindi messo in acciaio fino a fine fermentazione e successivamente affinato per sei – sette mesi in barrique di rovere.


SCHEDA TECNICA

luogo di origine dell’uva: vigneti siti nel comune di Riomaggiore (altezze da 0 a 120 mslm)
vitigno: Cannaiolo, Bonamico
esposizione: sud est
suolo: scistoso, roccioso e resti di arenaria. Acido.
clone:: varietà usate nelle Cinque Terre e pressochè sconosciute altrove.
portainnesto:: per i nuovi impianti  usiamo portainnesti pulsen che sopportino la siccità e che tendano ad allungare le radici in profondità per bloccare lo scivolamento a mare.
resa per ettaro: 40/50 Q.li
vendemmia: anticipata con selezione dei grappoli, e messa in essicazione, dove i più spargoli vengono stesi, mentre i più compatti appesi uno per uno, nel caso del bonamico anche potatura sul grappolo eliminando il cono e le ali del grappolo.
vinificazione: sgranatura manuale acino per acino per mettere nel contenitore solo il meglio, piccola schiacciatura con i piedi e fermentazione sulle bucce di 28 giorni prima della torchiatura.
affinamento: in barrique di castagno da 50 l.
grado alcolico: 13.5% – 15%
bottiglie prodotte: 500/700
colore: rosso rubino
profumo: di frutta matura, minerale.
gusto: minerale, sapido e molto persistente